La motivazione nel cane determina una azione

Ogni persona orienta le proprie azioni e le proprie scelte in base a determinate motivazione, si sceglie di fare una cosa piuttosto che un’altra perché spinti da determinati desideri ed obiettivi.

Anche per i nostri amici a quattro zampe è così: per le azioni che svolgono quotidianamente anche loro hanno bisogno di una determinata motivazione, che varia a seconda del risultato finale dell’azione da svolgere.

Ecco che, se per caso sbagliamo la motivazione da dare al nostro cane, anche per un’azione semplicissima come riportarci una pallina, rischiamo che il nostro amico non rispetti la consegna assegnata.

 

LE MOTIVAZIONI NEI CANI

Vi siete mai chiesti cosa è importante per un cane? Cosa desidera?

Il cane, esattamente come l’uomo, ha dei bisogni precisi supportati da altrettante motivazioni. Dovremmo chiederci, quasi sempre, cosa c’è dietro un comportamento manifestato dal nostro amico.

 

QUALI SONO LE MOTIVAZIONI DI UN CANE

predatoria (rincorrere oggetti in movimento);

territoriale (difendere un territorio);

sillegica (raccogliere oggetti e portarli in un nascondiglio);

sessuale (finalità riproduttive);

somestesica (esplorare il proprio corpo);

et-epimeletica (chiedere o prestare cure);

epimeletica (prendersi cura di un compagno);

competitiva (confrontarsi o gareggiare con un conspecifico);

sociale (interagire con un individuo o partecipare alle attività di un gruppo);

collaborativa (fare un’attività insieme, concertarsi);

di ricerca (cercare oggetti nascosti);

protettiva (difendere un affiliato);

perlustrativa (esplorare un ambiente e mapparlo);

esplorativa (analizzare un oggetto nei particolari);

possessiva (mantenere il possesso di un oggetto);

cinestesica (fare movimento);

affiliativa (far parte di un gruppo ristretto);

comunicativa (esprimere uno stato o indicare qualcosa).

 

RIEQUILIBRARE IL BAGAGLIO MOTIVAZIONALE

Non sempre le motivazioni del cane sono adatte al contesto nel quale vive e non sempre si ha la possibilità di potersi spostare, o trasferire, in luoghi più adatti. In quest’ottica è fondamentale poter lavorare sulle motivazioni, per esempio incentivandone alcune, o disincentivandone altre, oppure disciplinandole e bilanciandole.

Non è un segreto che il cane “di famiglia” spesso è costretto a vivere in una realtà non esattamente naturale. Poter riequilibrare le sue motivazioni è uno strumento indispensabile per la vita del nostro cane.

 

COME POSSIAMO AGIRE SULLE MOTIVAZIONI?

Le motivazioni tra loro possono essere sinergiche, ossia una rafforza l’altra, oppure controlaterali, ossia una inibisce l’altra. Attraverso la frequentazione di attività che stimolano una determinata motivazione, che è sinergica ad un’altra, si aumenta quella specifica motivazione di partenza che si voleva favorire.

Se ci si trova di fronte a motivazioni correlate a comportamenti indesiderati, possiamo diminuire il volume delle motivazioni sinergiche e aumentare quello delle controlaterali.

Per incentivare una motivazione bisogna aumentare la frequenza con cui questa si presenta. Per farlo basterà aumentare gli stimoli che la innescano e permettere l’esercitazione di comportamenti correlati, magari favorendo il presentarsi di motivazioni sinergiche.

Per disincentivare una motivazione poco adatta al contesto, dovremo diminuire la frequenza con cui questa si presenta e aumentare quella delle motivazioni controlaterali.

Sulla carta sembra una cosa piuttosto semplice, nella realtà è più complesso di quanto si immagini. Il cambiamento avviene solo se il lavoro riguarda la complessità della vita del cane e della famiglia e su un tempo sufficientemente lungo.

 

In conclusione le motivazioni e il lavoro che possiamo mettere in atto su di esse sono strumenti preziosi per educatori e istruttori cinofili.

Il cambiamento richiederà impegno e costanza sul lungo periodo e coinvolgerà la relazione con il cane a 360 gradi: stile di vita, abitudini e competenze dei famigliari.

Il cane è un “essere pensante” che gradualmente, con lavoro e relazione, riesce a modificare la sua convinzione sul mondo e vivere in maniera più equilibrata e appagante la sua vita a quattro zampe.

 

 

Matteo Atzori

Associazione Cinofila Lunie e le Tose