Il gioco delle bocce in spiaggia

Il gioco delle bocce in spiaggia è molto diffuso in Italia e trova i suoi sostenitori e praticanti sia tra i giovani che tra i meno giovani. E durante il periodo estivo, i campi da bocce in resina o in erba sintetica si svuotano per affollare i campi da gioco in spiaggia.

Il gioco delle bocce permette di variare il numero dei giocatori: si può giocare in 2, uno contro uno, oppure in squadre da 2, 3 o 4 giocatori.

Gli strumenti necessari sono:

  1. Le bocce che di solito sono realizzate in bachelite,
  2. una boccia più piccola chiamata pallino, solitamente di colore bianco o rosso
  3. uno spazio aperto o un campo delimitato per giocare

 

La semplicità del gioco delle bocce lo rende uno sport di facile approccio anche per i bambini che vedono genitori e nonni alle prese con la propria abilità e la propria precisione di lanciare con la giusta intensità e precisione.

Le regole per giocare a bocce con gli amici in spiaggia sono poche e semplici: i giocatori di ogni squadra lanciano a turno una delle proprie bocce cercando di farle avvicinare il più possibile al pallino. Per fare ciò i giocatori possono anche allontanare le bocce avversarie colpendole con le proprie; questo lancio viene chiamato bocciata, volo o raffa.

 

Quando tutti i giocatori hanno lanciato le proprie bocce si controlla qual’è quella più vicina al pallino e si assegna un punto alla relativa squadra; successivamente si controllano le distanze delle altre bocce allontanando il raggio d’azione dal pallino e si assegnano gli altri punti all’una o all’altra squadra. Chi totalizza per primo 12 punti ha vinto. Per approfondimenti sul Regolamento del CBI Confederazione Boccistica Internazionale clicca qui.

 

La spiaggia offre un bel contesto per giocare e divertirsi e, da sempre, le bocce sono una costante nell’estate degli italiani. Attenzione però ai divieti in spiaggia: ascoltare canzoni, giocare a pallone, a racchettoni o a bocce non sempre è possibile. Tanti i paletti e i limiti imposti dai Comuni e Capitanerie di porto, più o meno comprensibili. E si rischiano multe salate.

 

Cerchiamo dunque di far conciliare sport e divertimento con le regole della spiaggia e rispettare spazi, tempi e le persone che ci circondano: lo sport insegna anche questo!

 

Dott.ssa Erica Mazzucato