Giocare all’aria aperta come buona abitudine di benessere per i bambini

Esiste più di una buona ragione per lasciare che i nostri bambini escano dalla mura domestiche e facciano giochi all’aria aperta.

I giochi all’aria aperta, e in generale l’attività motoria ludico-ricreativa praticata fuori casa, non solo giova al loro equilibrio psico-fisico, stimola la creatività e facilita la socializzazione ma è essenziale per prevenire alcune malattie.

 

E anche se viviamo in un’era dove il tempo è scandito da mille impegni che si incastrano l’uno con l’atro, sono i genitori che dovrebbero dare il buon esempio ai loro figli: gli adulti in primis hanno il compito di ritenere e far propria la sana abitudine di passare almeno 1 ora al giorno fuori con i propri figli e ad insegnare ai bambini a stare all’aperto, a giocare con i coetanei e a fare movimento divertendosi.

La buona pratica di giocare a contatto con la natura deve diventare la scelta primaria per il bambino mentre i videogames, i social network e la tv digitale devono rimane dei momenti definiti e controllati nell’arco della giornata.

 

Ma perché giocare all’aperto fa stare bene?

1.Perché i giochi all’aria aperta migliorano la vista: i bambini che passano più tempo all’aperto sviluppano migliori capacità visive, sopratutto a distanza, rispetto ai loro coetanei abituati a giocare principalmente in casa. Inoltre sembra avere degli impatti positivi sullo sviluppo della miopia e l’aver a che fare con profondità di campo variabili e l’esposizione a differenti intensità di luce e ombra rafforzano il nervo ottico.

2.Perché i giochi all’aria aperta promuovono la socializzazione: bambini che giocano spesso al parco o nelle aree gioco pubbliche sviluppano una serie di competenze sociali e abilità comportamentali che riutilizzeranno da adulti in altri contesti più strutturati e in organizzazioni più complesse.

3.Perché i giochi all’aria aperta aumentano l’attenzione: molti studi confermano che frequentare ambienti esterni verdi dedicati al gioco riduce i sintomi del Disturbo da deficit di attenzione/iperattività (A.D.H.D.), un disturbo evolutivo dell’autocontrollo che causa difficoltà di attenzione e concentrazione, di controllo degli impulsi e del livello di attività.

4.Perché i giochi all’aria aperta riducono lo stress: trascorrere del tempo libero in spazi aperti e verdi aiuta i bambini a scaricare lo stress, le tensioni e a liberare l’energia, favorendo il riposo e il sonno durante le ore notturne.

5.Perché i giochi all’aria aperta forniscono la produzione di vitamina D: i bambini che passano del tempo fuori regolarmente hanno un sistema immunitario più sviluppato. Giocare all’aperto è un buon modo per acquisire vitamina D che è molto importante per prevenire molte malattie cardiache, ossee e metaboliche.

Servono altre valide ragioni per abbandonare le vecchie, insane abitudini e riscoprire con i nostri figli la gioia di trascorrere qualche ora insieme, abbinando gioco, divertimento e movimento all’aria aperta?

 

Dott.ssa Erica Mazzucato