Il linoleum come scelta di pavimentazione naturale

Il linoleum è un tipo di pavimento resiliente, cioè costituito da materiali che offrono una maggiore flessibilità rispetto ai cosiddetti pavimenti duri. Tali materiali sottoposti ad una pressione applicata in superficie hanno la proprietà, detta appunto resilienza, di deformarsi in maniera flessibile riassumendo la configurazione iniziale una volta eliminata la sollecitazione esterna.

Ad esempio, le moderne piste di atletica e le pedane per l’atletica leggera hanno una pavimentazione altamente resiliente che agevola la prestazione sportiva restituendo la potenza che gli atleti scaricano a terra e permette risultati sportivi di gran lunga migliori rispetto alle vecchie piste in tennisolite (una terra particolare) o cenere.

 

Il linoleum è composto da materie prime di origine naturale: olio di lino, farina di legno, farina di sughero, pigmenti colorati calandrati su un tessuto di juta naturale.

Spesso confuso con i pavimenti vinilici o in gomma, possiede caratteristiche che ancora oggi lo rendono una valida soluzione per pavimenti civili di uffici, scuole ed ospedali e per pavimenti sportivi.

 

Il processo di fabbricazione del linoleum, chiamato “processo di ossidazione Walton” dal nome del suo inventore, si caratterizza per il fatto che l’olio di lino cotto viene messo a contatto con l’aria calda, passando così dallo stato liquido allo stato solido. Si ottiene così una sorta di cemento naturale che viene fatto riposare per un certo periodo, tagliato a pezzi e messo nell’impianto di miscelazione. Successivamente vengono aggiunti prodotti naturali quali farina di legno, sughero, carbonato di calcio, resine e pigmenti coloranti naturali. Si ottiene un impasto che viene spalmato su un tessuto di iuta e calandrato. Infine, il linoleum viene sottoposto alla stagionatura mediante specifiche stufe a una temperatura di 60°C per circa 20/30 giorni. Passato questo mese circa, le pellicole di linoleum sono pronte per essere avvolte e commercializzate.


Caratteristiche del linoleum:

1. Naturale – il linoleum è realizzato con materiali naturali ed è biodegradabile
2. Ecologico – dopo un ciclo di vita di oltre 30 anni, può essere riciclato e riutilizzato
3. Battericida – l’olio di lino ossidato è un potente battericida, che favorisce la riduzione di acari e batteri e grazie alla sua antistaticità naturale riduce la presenza di polvere e di sporcizia, una soluzione molto ricercata in ambienti di carattere sanitario e sportivo
4. Facile da posare – il linoleum ha una posa in opera semplice e veloce ed è possibile utilizzarlo anche per ricoprire un precedente rivestimento.
5. Igienico – il linoleum è facile da pulire con un panno umido e detergenti neutri
6. Impermeabile – è resistente all’acqua e dunque adatto anche per ambienti privati dove è presente l’umidità, come la cucina o il bagno
7. Antiscivolo – il linoleum è la risposta ideale per quegli ambienti ove siano presenti soggetti particolari come anziani o bambini
8. Ignifugo e antistatico – il linoleum è resistente al fuoco ed è un cattivo conduttore di elettricità
9. Colori brillanti – una delle caratteristiche più gradevoli del linoleum è la brillantezza dei colori, che dura nel tempo.
10. Durata nel tempo – il linoleum è resistente all’usura e al calpestio
11. Isolante acustico e termico – il linoleum ha ottime capacità fonoassorbenti e termoisolanti ed è quindi utilizzato spesso come pavimentazione nei palazzetti dello sport e nelle palestre

 

Dott.ssa Mazzucato E.